Home CRONACA Terrorismo palestinese, tre arresti a L’Aquila

Terrorismo palestinese, tre arresti a L’Aquila

Sono stati appena arrestati a L’Aquila tre palestinesi, accusati di “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico”.

133

Nel quadro del conflitto esploso tra Israele e Hamas, il filo spinato rischia di essere squarciato dal terrorismo palestinese, che dal 1989 a oggi ha commesso 804 attentati, mietendo migliaia di vittime.

Gli attentati suicidi

Un covo di vipere dalle varie denominazioni, più volte responsabile del fallimento delle trattative di pace e della realizzazione del principio “due popoli, due Stati”. Le azioni più efferate che sono stati capaci di intraprendere questi folli sono gli attentati suicidi.

Il 25 febbraio 1996 l’esplosione alla stazione centrale dei bus di Gerusalemme dilaniò 26 persone; Hamas ne rivendicò la responsabilità.

Sono stati appena arrestati a L’Aquila tre palestinesi, accusati di “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico”.

Bestie, come bestie sono tutti i terroristi di qualunque etnia o colore politico, impegnata a raccogliere proseliti e progettare attentati suicidi contro obiettivi civili e militari.

Brigate e sangue, una lunga storia

Le indagini degli investigatori della Digos e del Servizio per il contrasto all’estremismo e al terrorismo internazionale della Direzione centrale della polizia di prevenzione hanno scovato una struttura operativa chiamata “Gruppo di Risposta Rapida – Brigate Tulkarem”, propaggine delle “Brigate dei Martiri di Al-Aqsa”, già certificata organizzazione terroristica dall’Ue. Israele ha chiesto alla Corte d’Appello di L’Aquila l’estradizione di uno dei tre criminali.

Articolo precedenteChirurgia plastica ed estetica: sì alla moderazione, no all’eccesso
Articolo successivoÈ tempo di Ramadan e di pacifisti islamici
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.