Home CRONACA Terremoto di magnitudo 7.4 a Taiwan

Terremoto di magnitudo 7.4 a Taiwan

193

In seguito a un violento terremoto di magnitudo 7.4 che ha colpito la costa orientale di Taiwan, sette persone sono morte e 736 sono rimaste ferite. Dopo la prima scossa ce ne sono state altre 58 di assestamento. Nove di queste con magnitudo tra 5 e 6. Altre due hanno superato la magnitudo 6 secondo i dati del Centro sismologico Cwa.

ECCO IL VIDEO

Gli ultimi dati da Taiwan e le parole di una testimone

Settantasette persone sono intrappolate sotto le macerie, secondo quanto riferisce il China Times. Tutte le contee e le città di Taiwan hanno inviato squadre di ricerca speciali per i soccorsi. Secondo il direttore del Centro sismologico di Taipei “il terremoto è stato il più forte degli ultimi 25 anni. Il terremoto è vicino alla terraferma ed è poco profondo. È stato avvertito in tutta Taiwan e nelle isole al largo. È il più forte dal terremoto del 1999”, riferendosi a un terremoto del settembre 1999 di magnitudo 7.6 che uccise 2.400 persone.

Il Corriere della Sera ha raccolto la testimonianza di Alessandra Amati, una funzionaria pubblica di Roma in visita alla figlia, exchange student a Taiwan, ancora turbata dalla scossa fortissima di mercoledì che l’ha fatta correre giù dalle scale e fuggire verso le montagne mentre le notizie rilanciavano l’allarme tsunami: “Ci eravamo appena svegliati. Eravamo nella nostra stanza al quindicesimo piano del grattacielo-hotel. Improvvisamente l’allarme, intermittente, sul telefonino. E, immediatamente dopo, una scossa violentissima che ha fatto oscillare l’albergo. Tremava tutto. Pure io, come una foglia. Ci siamo precipitati fuori e siamo andati lontano dal mare, mentre ancora si sentivano altre piccole scosse successive”. A salvarla dall’epicentro di Taipei è stato un cambio di programma dell’ultimo momento: “Nel nostro giro dell’isola dovevamo essere a Hualien, che è proprio nella zona più colpita. Poi la famiglia che ospita mia figlia per uno scambio culturale ha insistito per vederci. Quindi abbiamo cambiato itinerario, abbiamo fatto il giro inverso e in quel momento eravamo a Taichung dove il terremoto del ‘99 ha insegnato molto”.

Articolo precedenteMeloni in vantaggio sul premierato, ma la strada è lunga
Articolo successivoEspropri di proletari: 450 case a rischio demolizione per il Ponte sullo Stretto
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.