Home EDITORIALI Ecco chi c’è dietro Elly Schlein

Ecco chi c’è dietro Elly Schlein

431

Di chi è il “marchio” sulle liste del Pd per le elezioni europee? Sembra sia quello di Marco Damilano, ex direttore de l’Espresso e conduttore su Rai3 della striscia di informazione “Il cavallo e la torre”. È Dagospia a rivelare il retroscena. Secondo cui è il “deus ex machina consultato costantemente” dalla segretaria del Pd Elly Schlein. A dare da tramite tra la Schlein e Damilano sarebbe stato il responsabile della comunicazione del partito Flavio Alivernini.

Ecco le Europee della Schlein

Ci sono in tutto 76 nomi da definire. Ovvero tutti quelli che servono per riempire le liste. L’intenzione è quella di sondare con un passaggio più formale i territori: sindaci, assessori, ex parlamentari e militanti. Ma a tenere banco c’è ancora la possibile candidatura della stessa segretaria, a far da traino al simbolo del partito. La convinzione dei fedelissimi di Schlein è che da sola la leader possa valere un 2% in più di consensi, anche se probabilmente tutta questa fiducia la nutrono solo loro. Possibile che dia un apporto così significativo? Forse no. O forse, qualora lo apportasse, sarebbe per mancanza di altri volti identitari all’interno del suo partito. Restano comunque delle resistenze proprio nella sinistra interna alla sua corsa in tutte le circoscrizioni, specie se poi dovesse farlo come terza posizione in lista. Quello che si teme è che la sua presenza disperda energie e tolga competizione interna, specie se le capilista saranno altre donne, come, ad esempio, Cecilia Strada, data per sicura nel collegio Italia Nord-Ovest, togliendo di fatto possibilità alle europarlamentari uscenti per il gioco delle preferenze di genere.

Insomma, non lo sanno nemmeno loro cosa vogliono e il voto è vicino. Forse sarebbe il caso, per il bene della Schelin, che almeno su questo riuscisse a fare un po’ di chiarezza.

Articolo precedenteEspropri di proletari: 450 case a rischio demolizione per il Ponte sullo Stretto
Articolo successivoLoredana Berté non la ferma nessuno
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.