Home CRONACA Julian Assange potrebbe tornare un uomo libero

Julian Assange potrebbe tornare un uomo libero

Premettiamo che su Julian Assange possiamo solo fidarci di quanto riporterebbe il Wall Street Journal. Se saranno confermate, potrebbero ottime notizie sul futuro del giornalista e per la tutela mondiale della libertà di stampa.

140

Premettiamo che su Julian Assange possiamo solo fidarci di quanto riporterebbe il Wall Street Journal. Se saranno confermate, potrebbero essere ottime notizie per il futuro del giornalista e per la tutela mondiale della libertà di stampa.

Assange sta pagando carissimo l’aver pubblicato sul sito Wikileaks una mole imponente di documenti militari top secret e dispacci diplomatici riservati, dall’Afghanistan all’Iran e a Guantanamo, scatenando l’ira degli Stati Uniti.

È detenuto a Londra in regime di isolamento da cinque anni. Si è appellato contro la richiesta di estradizione avanzata dagli Usa al Regno Unito: se spedito Oltreoceano, finora si sapeva che avrebbe rischiato una condanna a 175 anni di carcere.

Il colpo di scena filtrato dalle colonne del Wall Street Journal è la possibilità per Julian Assange di un patteggiamento, con una dichiarazione di colpevolezza per un reato meno grave. Il dipartimento di Giustizia americano starebbe valutando l’ipotesi di un accordo. Assange si dichiarerebbe colpevole di cattiva gestione di informazioni classificate, reato minore in confronto alla cospirazione finalizzata a violare la legge sullo spionaggio.

Prospettiva che gli eviterebbe l’estradizione negli Usa e forse gli propizierebbe persino la libertà. Il fondatore di WikiLeaks potrebbe patteggiare da remoto ed essere scarcerato poco dopo, visti i 5 anni già scontati nel carcere londinese di Belmarsh.

La libertà di Julian Assange, secondo il quotidiano statunitense, sembrerebbe in ogni caso prossima: se dovesse saltare il patteggiamento, può invocare l’impegno preso in passato dagli Usa a trasferirlo nella nativa Australia per scontare eventuali pene. E il governo di Canberra, da sempre favorevole al giornalista, potrebbe mitigare la sentenza e liberarlo subito. 

Articolo precedenteScuola Pioltello chiude per Ramadan e un’onda d’odio colpisce i docenti: Italia un Paese finto perbenista
Articolo successivoVuoi usare il pc con la forza del pensiero? Musk mostra il primo paziente con impianto cerebrale di Neuralink
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.