Home CRONACA Sos meteo, Nord Italia in ginocchio

Sos meteo, Nord Italia in ginocchio

Frane a Finale Ligure, Aurelia interrotta nel Levante genovese, dieci anziani in una Rsa sfollati, allerta gialla per il livello del Seveso a Milano, 60 centimetri di neve in poche ore nelle vallate del Canavese, sospese le messe domenicali. I meteorologi avevano allertato sull’ondata di maltempo in arrivo. Eppure si lavora in emergenza invece che in prevenzione.

106

Frane a Finale Ligure, Aurelia interrotta nel Levante genovese, dieci anziani in una Rsa sfollati, allerta gialla per il livello del Seveso a Milano, 60 centimetri di neve in poche ore nelle vallate del Canavese, sospese le messe domenicali.

Emergenza o prevenzione?

I meteorologi avevano allertato sull’ondata di maltempo in arrivo. Eppure si lavora in emergenza invece che in prevenzione. «La sala operativa della Protezione civile», informa l’assessore regionale in Liguria Giacomo Giampedrone, «sta monitorando con attenzione l’andamento dell’allerta e gli effetti che il maltempo potrebbe portare con sé a livello idrogeologico: i terreni saturi d’acqua hanno un maggior rischio di frane e smottamenti. Stiamo seguendo con attenzione anche la situazione delle persone evacuate, con la Protezione civile pronta a intervenire se necessario. La raccomandazione, come sempre, è quella di prestare la massima attenzione all’evoluzione del meteo, non solo nel Ponente dove è stata diramata l’allerta arancione, ma su tutto il territorio».

In Lombardia prova a rassicurare i cittadini l’assessore alla Protezione civile del Comune di Milano Marco Granelli: «Siamo nella fase più intensa, dalle prime ore di questa mattina si estenderà per la giornata di oggi. In generale i livelli sono saliti. Per il Seveso sta lavorando il canale scolmatore e i livelli sono di poco superiori al metro. Comunque la vasca di Milano è pronta ad entrare in funzione e questo ci rassicura tutti. Ci preoccupa il Lambro che al parco ha raggiunto quota 180. Seveso e Lambro esondano a Milano intorno a 3 metri».

Come sempre, in prima linea i sottopagati vigili del fuoco, con 150 interventi in corso per allagamenti, taglio di piante e la messa in sicurezza di edifici.

Fino a lunedì, permane l’allerta valanghe: domenica arancione dalla Valchiusella al Toce e, a sud, nella valli Tanaro, Varaita, Maira e Stura; gialla nelle valli Susa, Chisone, Pellice e Po.

Articolo precedenteFedez e Mr.Marra: è addio Muschio Selvaggio
Articolo successivoRegionali Abruzzo: Marsilio vince e affossa il campo largo