Home Cinema “Vacanze di Natale”, che libidine gli incassi (alla faccia degli americani)

“Vacanze di Natale”, che libidine gli incassi (alla faccia degli americani)

365

Vacanze di Natale ha già festeggiato i 40 anni dalla sua prima diffusione nelle sale, tornando sui grandi schermi restaurato e rimasterizzato il 30 dicembre scorso. In una sola giornata, ha incassato circa mezzo milione di euro. Logico che i produttori Aurelio e Luigi De Laurentiis cavalchino la loro tigre: ed eccolo di nuovo in programmazione per l’Epifania, con l’invito al pubblico di indossare un dress code anni Ottanta per presentarsi al cinema.

Sessista e volgare?

Il film incassa però anche una stroncatura indiretta. Il giornalista del New York Times Jason Horowitz bolla il filone detto “cinepanettoni” come «sessista e volgare». Ribatte Enrico Vanzina, sceneggiatore a quattro mani col fratello Carlo, scomparso nel 2018: «Vacanze di Natale non è un cinepanettone, dunque le critiche non mi riguardano. Non aggiungo altro perché non voglio alimentare alcuna polemica».

Cosa è restato degli anni Ottanta

Vacanze di Natale è stato girato a Cortina d’Ampezzo, scelta come simbolo di un’Italia alla caccia di status symbol e sogni di ricchezza. Tratteggia figure diventate parte dell’immaginario collettivo come il nuovo ricco romano d’epoca o il milanese bauscia, spavaldo e spaccone. Nel cast tante chicche, inventate da Jerry Calà, Christian De Sica, una Stefania Sandrelli alle sue prime esperienze con il genere comico dopo i film di Bertolucci, Germi e Comencini. Da segnalare uno dei migliori caratteristi del nostro cinema, Guido Nicheli, insuperabile nell’interpretare il cummenda che si pavoneggia al volante: «Via della Spiga-Hotel Cristallo di Cortina: 2 ore, 54 minuti e 27 secondi. Alboreto is nothing». Una battuta diventata cult.

Articolo precedenteMaria De Filippi via da Mediaset? Discovery la tenta: “L’offerta è ancora valida. Un canale tutto suo, come Oprah”
Articolo successivoVi sveliamo la chat segreta utilizzata dai calciatori ludopatici

1 commento