Home Inchiesta calcio Tre denunce per stalking a Parma, una ad Avezzano e una a...

Tre denunce per stalking a Parma, una ad Avezzano e una a Roma. I guai con la escort di Lorenzo Pellegrini

Sono in tutto cinque le denunce depositate da una giovane escort rumena nei confronti del capitano della Roma e della Nazionale Italiana. Tutte per stalking, secondo il protocollo del Codice Rosso che richiede l'intervento rapido delle forze dell'ordine a tutela della presunta vittima

18134
Tre denunce per stalking a Parma
Tre denunce per stalking a Parma

Tre denunce per stalking a Parma, una ad Avezzano e una a Roma. Tutte fatte dalla stessa persona, una giovane escort rumena A.G., che abbiamo incontrato personalmente e che chiede di non rivelare per adesso la sua identità. Tutte nei confronti del calciatore della Roma e della nazionale italiana Lorenzo Pellegrini.

Una storia che dura da mesi

A presentarle, in un periodo che va da aprile 2023 ad oggi, è stato uno studio legale della capitale a cui la ragazza si è rivolta per cercare di porre fine a quello che, secondo i denuncianti, sarebbe un comportamento che va ben oltre i limiti della legge. Nelle segnalazioni fatte alla polizia ci sarebbe anche la richiesta di approfondire eventuali altri reati che potrebbero essere riscontrati dagli inquirenti in fase di indagini.

Il Codice Rosso

Le denunce, spiegano i legali della ragazza, sono state tutte presentate con la richiesta di attivare il cosiddetto codice rosso. Si tratta del protocollo che consente indagini in casi particolarmente gravi di violenza tra gli altri maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale, con l’effetto che saranno adottati più celermente eventuali provvedimenti di protezione delle vittime.

Chi è Lorenzo Pellegrini

Oggetto delle denunce, quattro da parte della giovane escort e una – riassuntiva – presentata dallo studio legale a Roma, è il calciatore Lorenzo Pellegrini, centrocampista della Roma, di cui è capitano, e della nazionale italiana. Il giocatore è sposato dal 22 maggio 2018 con Veronica Martinelli: la coppia ha due figli. Noi di Dillingernews ci teniamo a precisare che la denuncia non rappresenta in alcun modo una forma di colpevolezza. Ma solo la richiesta di parte di indagare su fatti che si ritengono comportino un qualche reato. Non solo, ma invitiamo il calciatore o i suoi agenti (che non siamo riusciti a contattare) a chiamarci per avere lo spazio del contraddittorio

Atti persecutori

Le condotte tipiche dello stalking configurano il reato di “atti persecutori”, introdotto dalla legge 23 aprile 2009, n. 38. La norma introduce nel codice penale italiano l’articolo 612-bis. “Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da un anno a sei anni e sei mesi chiunque, con condotte reiterate, minaccia o molesta taluno in modo da cagionare un perdurante e grave stato di ansia o di paura ovvero da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona al medesimo legata da relazione affettiva ovvero da costringere lo stesso ad alterare le proprie abitudini di vita”.

Articolo precedenteNon solo trapper violenti contro i loro coetanei, adesso se la pigliano anche con le donne incinte!
Articolo successivoMa guarda un po’ le denunce esistono, le indagini pure. Caro Pellegrini, ora lo dicono anche i giornaloni…
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.

1 commento