Home CRONACA Ecco gli europarlamentari che salutano Bruxelles

Ecco gli europarlamentari che salutano Bruxelles

310

Mancano 68 giorni al voto per le Europee e la lista degli eurodeputati che dovranno salutare Bruxelles è lunga. Gli equilibri politici, rispetto a 5 anni fa, sono molto cambiati. La Lega non è più quella che nel 2019 conquistò oltre il 34% e fece eleggere 28 eurodeputati. Infatti, questa volta, per Salvini si prevedono solo 7 eletti, motivo per cui il suo partito rischia un reset. Gianantonio Da Re, storico ultras della Lega veneta, è stato cacciato dopo le critiche al leader. Nessuna ricandidatura nemmeno per Marco Zanni, l’euroscettico presidente di Identità e democrazia, il primo ad annunciare che si ferma qui. Mentre Fratelli d’Italia non è più il piccolo partito del 6%: da 5 eletti dovrebbero diventare 23.

Gli altri uomini che salutano Bruxelles

  • Anche Alessandro Panza, amico di Salvini da sempre, rinuncerà alla sfida.
  • Idem Marco Campomenosi, già assistente a Bruxelles del Capitano.
  • Nelle file di Forza Italia saluta Lara Comi, la cui carriera sembra essere stata stroncata dalla condanna a 4 anni e 2 mesi per il caso “Mensa dei poveri”.
  • Bis complesso per Alessandra Mussolini, che dopo aver proclamato l’addio alla politica nel 2020 per dedicarsi ad altro, è rientrata a sorpresa a Bruxelles nel settembre 2022 al posto di Antonio Tajani, diventato ministro. La Mussolini può essere che si ricandidi, ma la sua elezione sembra difficile, visto l’alto numero di preferenze necessarie.
  • Dino Giarrusso, ex Iena eletta con il M5S, lasciati i grillini ha poi tentato di entrare proprio nel Partito democratico, venendo però respinto. Ora dovrà trovare una nuova collocazione nello scenario politico o al di fuori di essa.
  • Andrea Cozzolino, travolto dal Qatargate, si vede obbligato a lasciare la corsa.
  • L’ex sindaco Giuliano Pisapia tornerà a Milano.

Stefano Bonaccini, invece, attuale presidente dell’Emilia-Romagna, sarà quasi certamente in pista per Bruxelles.

C’è da aggiungere un aspetto non di poco conto: ogni uscente che non sarà rieletto riceverà una cifra chiamata “indennità di reinserimento”. A che cosa corrisponde? Un mese (7.500 euro netti) per ogni anno trascorso al Parlamento europeo. Lasciamo a voi fare i conti.

Articolo precedenteTUTTI GLI AUTOGOL DI SCHILLACI
Articolo successivoZIA MARA PIÙ BELVA DE’ FAGNANI: “Come mai vengono tutti a Belve? Date un sacco di soldi”
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.