Home EDITORIALI Torte in faccia tra i Ferragnez

Torte in faccia tra i Ferragnez

Lo si apprende da una notizia flash sul Corriere della Sera: pare che tra Fedez e Chiara Ferragni ormai volino i coltelli.

4669

Lo si apprende da una notizia flash sul Corriere della Sera: pare che tra i Ferragnez ormai volino i coltelli. Alla festa per il terzo compleanno della figlia Vittoria, dietro ai cuoricini e le dimostrazioni d’incondizionato amore paterno e materno sui social, a un certo punto tra l’ex coppia si sarebbe scatenato un inferno, con Fedez che gira i tacchi e se ne va con la coda tra le gambe.

Per un po’, a quanto risulta, la festicciola in un locale a Citylife è filata liscia, con i Ferragnez riuniti sotto lo stesso tetto per festeggiare la bambina. 

Chiaretta che posta storie in cui raggiante inquadra il cuoricino applicato sullo zigomo, Vittoria con la fetta di torta, l’abbraccio ai figli e momenti di dance, tra palloncini, bolle giganti, il pupazzo e la torta Pocoyo

Con la dedica “auguri, bimba magica, ogni giorno che passa mi rendi più fiera di essere la tua mamma”. Fedez fotografa e posta a sua volta e scrive: “Tanti auguri piccola Iaia”.

Appena dopo aver soffiato sulle candeline e assaporato la sua fetta di torta, mentre Vittoria giocava con le amiche, i genitori in disparte se ne sarebbero dette di ogni, finché Fedez, accompagnato dalla sua assistente, ha tolto il disturbo, dopo essersi sentito rimproverare da sua madre Tatiana: «Federico basta». 

Articolo precedenteSociologia dei maneggi di Santanché & Co.
Articolo successivoCaressa si piega al politicamente corretto: “Quello di Acerbi è razzismo, mi sento di abbracciare Juan Jesus”
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.