Home Cinema Ferillona allusivona sull’Oscar mancato all’Italia

Ferillona allusivona sull’Oscar mancato all’Italia

Purtroppo anche per Sabrina Ferilli non ha vinto Garrone: la seconda gaffe è sua ma, da furbastra qual è, meno diretta e quindi attaccabile come quella di Ceccherini.

351

Se andiamo avanti su questa strada rischiamo di passare per un Paese che non sa perdere con dignità e pure un po’ ignorante. La prima gaffe sull’Oscar al miglior film straniero è una freddura di Massimo Ceccherini, prima ancora della proclamazione.

Ospite di Francesca Fialdini, augurandosi che Io capitano di Matteo Garrone vincesse la statuetta, ha provato a fare lo spiritoso, ma ha solo fatto calare il gelo in studio. «Sappiate che il film di Matteo Garrone è il più bello nella cinquina. Solo che non vincerà forse, perché vinceranno gli ebrei… Quelli vincono sempre…».

Purtroppo per lui, l’Oscar l’ha vinto un film inglese sulla Shoah, La zona di interesse, diretto da Jonathan Glaser, intellettuale che ha dichiarato; «Da ebreo rifiuto l’occupazione di Gaza». Ergo, il vaticinio di Ceccherini, dopo la Notte degli Oscar, lo ha messo all’angolo e indotto a fare pubbliche scuse, “sculacciato” persino dalla moglie.

L’arte dei sottintesi

Purtroppo anche per Sabrina Ferilli non ha vinto Garrone: la seconda gaffe è sua ma, da furbastra qual è, meno diretta e quindi attaccabile come quella di Ceccherini. In attesa dell’annuncio nella serata al Dolby Theatre, l’attrice ha postato: “Se dovesse vincere l’Oscar La zona di interesse, so perché vincerebbe, non certo perché è un film migliore di Io capitano. Io Tifo Italia. Tifo Garrone!».

Nella sottile arte dei sottintesi, va riconosciuto, se la cava bene. Però l’eco delle polemiche è partito e la maggior parte dei commentatori hanno letto tra le righe un riferimento al giudizio espresso da Ceccherini. Senza fare il moralista, David Parenzo dice: «Conosco Sabrina Ferilli e mi sta anche simpatica, spero che chiarisca al più presto quello che voleva dire, perché non va bene seminare il dubbio. Ma diciamolo chiaramente: La zona di interesse ha vinto perché è un grande film, lo dice anche il pubblico».

La cantonata di Televideo

Per finire, intorno al miglior film straniero ne succedono davvero di cotte e di crude. Come la baggianata scritta su Televideo, dove si afferma che La zona di interesse è un film su Schettino, mentre è su un comandante di Auschwitz.

Articolo precedenteNovità sul fisco e stop al contante per i giochi online
Articolo successivoLA FINANZA SBAGLIA CERCA SOLO PUBBLICITÀ
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.