Home CRONACA Navalny: sospetto avvelenamento in carcere. Parla il suo avvocato

Navalny: sospetto avvelenamento in carcere. Parla il suo avvocato

250

A sostenere la tesi dell’avvelenamento è il suo avvocato, Olga Mikhailova, che ha rivelato le parole del dissidente pronunciate un anno fa nella colonia penale dove era detenuto. Alexei Navalny sarebbe stato ”avvelenato lentamente nella colonia penale” dove era detenuto. L’avvocato, dice che Navalny ad aprile dello scorso anno le disse: “Senti, ho paura di sembrare paranoico. Ma sembra che qui mi stiano lentamente avvelenando”.

Le parole del suo avvocato

Mikhailova ha dichiarato di essere stata condanna al carcere proprio a causa di una conversazione intercettata con Navalny nel carcere, durante la quale lui ha manifestato le sue preoccupazioni. Intanto, con un tweet la moglie di Navalny, Yulia Navalnaya, ha ringraziato quanti continuano a ricordare il marito scomparso. Dice: ”I genitori di Alexei esprimono gratitudine a tutti coloro che sono venuti e vengono a salutarlo e lo ricordano”.

Sempre lei, ha rilanciato qualche giorno fa l’invito ai russi a protestare alle 12 del 17 marzo, giornata di elezioni in Russia, dicendo: “Tutti dovrebbero unirsi a questo movimento. Convincete gli altri. Se arriviamo nello stesso momento, la nostra voce sarà più forte. Queste non sono elezioni. Putin non sarà in nessun caso un presidente legittimo, né per voi né per me né per nessuno al mondo. Il 17 marzo potremo vederci e vedere che siamo molti e che siamo forti. Dobbiamo usare il giorno delle elezioni per dimostrare che esistiamo e che siamo in tanti”.

Articolo precedenteChico Forti, il surf e i suoi cuccioli di Golden Retriever
Articolo successivoMorgan scrive una lettera a Riccardo Muti
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.