Home CRONACA Celebs Il genero della Hunziker ha in testa un’idea meravigliosa

Il genero della Hunziker ha in testa un’idea meravigliosa

Casa Ramazzotti, l'eros corre sul capello. Il compagno di Aurora, primogenita del cantante e di Michelle Hunziker, ha in testa un'idea meravigliosa. Per la modica cifra di circa 6 mila euro, Goffredo Cerza si è fatto un bel trapianto di capelli nella clinica milanese Insparya, fondata da Cristiano Ronaldo.

1159

Casa Ramazzotti, l’eros corre sul capello. Il compagno di Aurora, primogenita del cantante e di Michelle Hunziker, ha in testa un’idea meravigliosa. Per la modica cifra di circa 6 mila euro, Goffredo Cerza si è fatto un bel trapianto di capelli nella clinica milanese Insparya, fondata da Cristiano Ronaldo. Inscenando una specie di diretta sul suo profilo social, che conta su 179 mila followers, dunque è probabile che abbia strappato uno sconticino in cambio di un po’ di pubblicità.

Megamind, fatti più in là

Nelle sue storie, il solerte Goffredo risponde alle domande dei followers interessati alla procedura di un trapianto di capelli. Per esempio, ci si chiede se sia doloroso: “Giusto un pizzico quando ti fanno l’anestesia”, informa Cerza. Un seguace curioso domanda il perché del cerotto sulla fronte. “Dovrebbe aiutare a evitare/rallentare la discesa dell’anestesia”, è la sua risposta. “Fondamentalmente serve a evitare che diventi gonfio come Megamind”.

La manina santa di Aurora Ramazzotti

Dopo un reel dove mostra la mano della sua compagna Aurora Ramazzotti intenta a spalmargli la crema sulla capoccia, Cerza ci illumina sugli esiti dell’intervento. “Un aspetto già piacevole si può iniziare a vedere dai sei mesi. Risultati completi dai 12 ai 18 mesi”. Si conclude sottolineando la valenza sociale della campagna pro-trapianto: “Vedo che è un tema delicato per molti e sto ricevendo tanti complimenti per averne parlato sui social. Vi ringrazio molto e a questo punto magari ne riparliamo meglio più avanti”.

Articolo precedenteA Pesaro, capitale della Cultura, un Bonolis saccente e per nulla spiritoso, tinge di mediocrità la serata inaugurale. Qualcuno gli ricordi che cultura non fa rima con Ciao Darwin…
Articolo successivoGiorgia Soleri tuona contro l’Estetista Cinica