Home Celebs Musica “Inseminator” Gigetto D’Alessio per la sesta volta a segno

“Inseminator” Gigetto D’Alessio per la sesta volta a segno

Franco Califano detto il Califfo ha un degno successore: il latin lover del Duemila è Gigi D’Alessio. Certo, non sarà un figo come Biagio Antonacci o Nek, tuttavia il cantante napoletano non manca un colpo.

927

Franco Califano detto il Califfo ha un degno successore: il latin lover del Duemila è Gigi D’Alessio. Certo, non sarà un figo come Biagio Antonacci o Nek, tuttavia il cantante napoletano non manca un colpo.

Il calo delle nascite? Mea culpa di D’Alessio

Ospite di Fiorello a Viva Rai2!, D’Alessio è stato al gioco come sempre battente dello showman. Che lo prende “di sguincio”, parlando del calo delle nascite in Italia, ben sapendo il gossip che gira da qualche giorno. Ovvero che Inseminator Gigetto aspetterebbe il sesto figlio da Denise Esposito, incinta di quattro mesi. Il commento di D’Alessio è spiritoso, forse un po’ da guappo: «In Italia non si fanno figli? È perché li faccio tutti io». Tre dalla prima moglie Carmela Barbato, uno da Anna Tatangelo e uno da Denise, che adesso fa il bis.

Belzebù pensaci tu

Fiorello inscena un altro siparietto con D’Alessio che, si dice, parteciperà a Sanremo in duetto con Geolier. Lo fa usando il soprannome birbante che ha dato al suo amico Amadeus, cioè Belzebù. «“Ma tu… No non si può dire, è una domanda che stavo per farti di cui conosco già la risposta», si rivolge a Gigetto beffardo. «Quindi non posso farlo perché spoilererei qualcosa di veramente importante e Belzebù mi farebbe…». D’Alessio tace, la parola a Belzebù.

Articolo precedenteStanca di impiegare tempo prezioso tra rasatura e ceretta? Scegli l’epilazione laser di Alive Beauty
Articolo successivoSvolta epocale: Netflix approda nel mondo dello sport, ma non si tratta di calcio…
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.