Home EDITORIALI Elodie: forse Gino Paoli non aveva tutti i torti

Elodie: forse Gino Paoli non aveva tutti i torti

1522

Che dire, questa Elodie in fondo è una gran furbastra… Pare aver fatto sua la lezione di Oscar Wilde: «Parlate pure male di me, ma parlatene». Da quando Gino Paoli ha pronunciato l’ormai famosa frase «Ieri avevamo Mina e la Vanoni, oggi emergono le cantanti che mostrano il c@@o», l’immagine della cantante è sulla bocca di tutti.

La vita di tutti i giorni secondo Elodie

Pur non essendo stata nominata dal cantautore genovese, che ragionava in generale, Elodie si è buttata a corpo morto nella polemica, attaccando: «Ci sono artisti che hanno scritto capolavori, ma nella vita di tutti i giorni sono delle m@@de, io preferisco essere una bella persona». «A pensare male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina», diceva Andreotti… Se, come a Dillinger sospettiamo, la cantante ha colto la palla al balzo per mettersi al centro dell’attenzione, finora ha funzionato.

Costumi d’Egitto

Ed eccoci con la nostra indubbiamente sexy Elodie in vacanza in Egitto, pronta a farsi fotografare in costume da bagno e postare l’immagine sul suo profilo social. Seguono commenti entusiastici dei suoi numerosi followers, ma anche qualche frecciatina: “Stai dando ragione a Gino Paoli se ti spogli così”, sibila qualcuno. “Ha ragione Paoli”, gli fa eco un altro. “Ora per vendere musica devi vendere e mostrare il corpo. Ma non facciamolo passare come libertà, visto che poi le ragazzine ci credono. La libertà è qualcosa di molto più profondo, non è mostrare la farfallina, il seno e i glutei. Poi, dà retta a me, prima di dare dell’uomo di m@@da a Gino Paoli dovresti pensarci due volte ed essere un pò più umile, non credi? Tu hai detto che sei una buona persona, ma molti la pensano diversamente”.

Articolo precedenteCarcere di Ancona Montacuto: ennesimo suicidio in galera. E lo Stato dov’è?
Articolo successivoAhi ahi ahi sottosegretario Sgarbi, che cosa combini mai?!?
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.