Home GOSSIP Sonia Bruganelli vuole sbarcare sul piccolo schermo, ma come conduttrice

Sonia Bruganelli vuole sbarcare sul piccolo schermo, ma come conduttrice

391

Sonia Bruganelli, nota non solo per essere la (ex) moglie di Paolo Bonolis, ma anche per il suo passato ruolo da opinionista al Grande Fratello, ha annunciato durante un’intervista a “Chi”, il magazine di gossip targato Alfonso Signorini (continua a giocare in casa evidentemente), che è pronta per il ruolo di conduttrice sul piccolo schermo.

Il Programma della Bruganelli

La Bruganelli conduce già un programma, “I Libri di Sonia”, in onda sulla Sdl.Tv e anche su Mediaset infinity, ma evidentemente ha deciso di ampliare il progetto per dargli maggiore respiro. Che questo possa coincidere con una ritirata, anche se non totale del marito, Paolo Bonolis, dalla televisione? Il conduttore si era detto infatti stanco e aveva dichiarato di voler dedicare più tempo alla sua famiglia, ovvero i suoi figli, visto che sembra che, dopo Natale, la Bruganelli traslocherà definitivamente in un’altra casa. Per quanto riguarda il suo programma Sonia ha detto che “Se il programma sarà trasmesso anche oltre i canali Sdl.tv e Mediaset infinity? Sì, l’idea è quella e ne stiamo parlando con le aziende… Quindi non solo con Mediaset. Vi faremo sapere”.

La Bruganelli e la frecciatina a Mediaset?

Che quel “non solo Mediaset” sia un velato messaggio ai vertici dell’azienda? Come a dire “non stiamo certo ad aspettare voi che ci diate l’ok”. Per quanto riguarda il trasloco, invece, ha detto “Effettivamente l’ho detto un anno fa e qualcuno potrebbe pensare che avessi mentito. Ma con il nuovo anno dovrei spostarmi davvero, fare il trasloco e finalmente avrò una casa tutta mia. Questo sì sarà un grande cambiamento per me”. Che sia la volta buona in cui i due separati in casa lo siano a tutti gli effetti?

Articolo precedenteL’ennesimo pianto greco di Angelina Jolie
Articolo successivoInfluencer ai ferri corti? Khaby e altri professionisti chiedono tutele
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.