Home CRONACA Celebs Noemi Bocchi la manipolatrice: prende gli uomini e li comanda a bacchetta

Noemi Bocchi la manipolatrice: prende gli uomini e li comanda a bacchetta

20253

Noemi Bocchi secondo Fabrizio Corona è una manipolatrice. Attraverso queste slide, che sono i virgolettati dell’ex marito che ha raccontato ed approfondito con Corona la storia con Noemi, da quando l’ha conosciuta giovanissima fino ai giorni passati insieme emerge una persona completamente diversa da ciò che appare attraverso i racconti fotografici pubblicati da tutte le riviste italiane e attraverso le storie social postate da lei e Francesco Totti. Tutto ciò che fa è calcolato per raggiungere il suo obiettivo. Lei nella coppia comanda e domina.

Volete sapere perché la Bernardini De Pace ha dismesso il mandato per la separazione? Per colpa di Noemi poiché doveva decidere lei. Lei decide, gestisce, programma, ordina. Il pupone è sotto un treno.

Ecco le slide con i virgolettati di Mario Caucci

Da queste dichiarazioni lasciate dal marito si capisce benissimo che tipo di donna è Noemi Bocchi e quali sono i valori su cui ha basato la sua vita. Una ragazza cresciuta in periferia con due genitori che a malapena arrivano a fine mese. Mario l’ha conosciuta che non era così parliamo esteticamente, mentalmente era già così, con l’ideologia, con questo tipo di valori, vuole arrivare a tutti i costi bella vita, potere e danaro. Esteticamente Mario l’ha costruita, seno rifatto, labbra rifatte etc.

Con Mario si è fidanzata soltanto perché proveniva da una delle famiglie più ricche di Tivoli. Era un bravo ragazzo, giovane, ma un po’ “bamboccione”. L’ha fatto innamorare, ha fatto due figli, ci ha costruito una casa, si è fatto un piccolo patrimonio, dopodiché, quando ha capito che poteva avere di più lo ha abbandonato nel peggior periodo della sua vita per incominciare a cercare qualcosa di più, qualcosa che lei aveva capito di poter avere. Ha preso il meglio di Roma: Totti, l’ha mirato, cercato e voluto.

Lei si è sempre fatta i cazzi suoi, ce l’ha di natura. È assolutamente vero il suo potere e oltre queste evidenti qualità ha uno charme, una sensualità, una capacità di sedurre e gestire gli uomini. Il profumo della sua pelle e del suo corpo è come se fosse miele per le api.

Noemi Bocchi proviene dai quartieri peggiori di Roma. I genitori hanno a malapena la terza media, la madre fa la donna delle pulizie, il padre cerca lavoro, qualsiasi tipo di lavoro. Quando Noemi aveva sedotto, agganciato e distrutto Caucci era riuscita anche a far assumere nella sua ditta di cave di marmo, i genitori, e una volta finita la storia li ha tenuti per forza. Li ha dovuti licenziare, poi in seguito a quello che è successo e tuttora vivono a Tivoli in cerca di lavoro. Notizia che nessuno sa: Noemi, da quando sta con Totti, non fa vedere più i figli ai genitori che peraltro non ha mai presentato all’attuale compagno Totti e famiglia perché si vergogna di loro.

Questa è una notizia che il marito di Noemi, Mario, sottolinea con forza secondo una sua teoria strana: durante la relazione con Mario, nel periodo in cui era single e frequentava uomini e durante il fidanzamento con Totti, pare che lei abbia fatto comprare tutto in questa gioielleria di questa sua amica che vende oggeti non originali per un’ipotesi di guadagno, con un rincaro sul prezzo palesemente maggiorato dell’oggetto finto, ai danni del nuovo compagno.

A lei della famiglia non le è mai interessato nulla, tanto è vero che i figli, prima delle vacanze di natale, non li vedeva mai. L’idea della famiglia l’ha costruita e l’ha fatta sognare a Totti solo per tenersi il capitano della Roma e per portare avanti i suoi obiettivi.

La laurea era solo un pretesto per perdere tempo.

Guarda la gallery di Noemi Bocchi e Francesco Totti

Noemi Bocchi e la rivelazione clamorosa

Come avete potuto vedere e secondo quanto afferma Fabrizio Corona, è tuttora in atto il processo a porte chiuse nel tribunale di Roma, che è alle battute finali. L’ex marito rischia una condanna pesantissima per le nuove leggi sullo stalking e sul codice rosso, tanto di moda in questo periodo per le brutte vicende di cronaca successe e accadute. Domani un nuovo articolo completo.

Articolo precedenteGino Paoli non smentisce la sua verve tagliente: X Factor? Li manderei tutti al dopolavoro ferroviario
Articolo successivoMario Draghi: tra le due litiganti destra-sinistra il terzo Gode?
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.

1 commento