Home CRONACA Meloni e Giambruno non si sono mai lasciati

Meloni e Giambruno non si sono mai lasciati

Clamoroso, la redazione di Dillinger voleva comunicarvelo ieri, ma i problemi dei bug del nostro amico Mark, ci hanno impedito di lanciare la nostra esclusiva.

8321


Nella giornata di mercoledì, Fabrizio Corona si è recato a Roma e ha incontrato fonti vicine agli ambienti che muovono la politica e che hanno assicurato che la storia tra il Presidente del Consiglio e l’ex ciuffo giornalista Giambruno non è mai finita.

GUARDA LA GALLERY


Ovviamente il Presidente del Consiglio ha una vita complicata, manca spesso da casa, dorme spesso a Palazzo Chigi, ma quando rientra nella sua dimora romana, trova i suoi cari, sua madre e soprattutto Giambruno, che non se ne è mai andato via di casa e che oltre a fare l’autore gestisce insieme alla tata la sua bambina. 

Ecco le foto di Andrea Giambruno in modalità “mammo” mentre sta facendo la spesa:

Il video di Striscia che vi riproponiamo rappresenta il vero Giambruno, un Giambruno cazzone che però, attenzione tutti, scherza! Magari in modo un po’ volgare come fanno tutti gli uomini all’interno degli uffici e delle redazioni.
Ripetiamo, scherza.

ECCO IL VIDEO INCRIMINANTE di STRISCIA LA NOTIZIA CON ANDREA GIAMBRUNO CHE “SCHERZA” IN MODO UN PÒ PESANTE CON UNA COLLEGA DURANTE IL FUORIONDA:

Credits: Striscia la notizia

Sfido chiunque, perchè anche noi stessi della redazione di Dillinger, se ripresi durante un’ora di cazzeggio all’interno di un ufficio, potremmo “cazzeggiare” nello stesso modo e chissa cosa verrebbe fuori rubando dei secondi privati.
La pubblicazione del video è diventata, nonostante la guerra di Hamas e il problema del calcio la notizia più importante della stampa nazionale italiana, per farvi capire il livello in cui viviamo. Ha rappresentato l’unico modo in cui gli unici due leader della sinistra, Formigli e Gruber, potessero attaccare il PRESIDENTE DEL CONSIGLIO.

Addirittura la Gruber, intellettuale radical chic tanto odiata a noi di Dillinger, per rafforzare la macchina del fango si è permessa pure di invitare il Platinette del non giornalismo, Selvaggia Lucarelli, in una puntata del pre-serale, per sputtanarla e affossarla. La reazione della comunicazione del Presidente del Consiglio, che è molto capace, basta vedere i risultati e la crescita negli ultimi 12 anni dove l’hanno portata, è stata una risposta secca e immediata con un post, chiusura della relazione e metafora della pietra.

Ecco le foto di Selvaggia Lucarelli ospite a Otto e mezzo da Lilli Gruber:

La non giornalista ha fatto un intervento contro la Meloni: “Meloni non aveva una famiglia tradizionale, ma una parvenza. Una questione politica, in quanto per la premier sarà difficile tenere insieme la propaganda che attinge dalla favoletta della famiglia tradizionale con quella che è oggi la sua situazione familiare che fa acqua da tutte le parti”, ha affermato.

Sì, il cuore del nostro Presidente è di pietra, ma i principi tanto cari a lei, Dio, patria e famiglia, continuano a persistere. Per questo la relazione continua e non è cambiato assolutamente nulla.

Articolo precedenteCome Sansone, senza il ciuffo il post Meloni per Giambruno passa attraverso una nuova normalità da “mammo”
Articolo successivoLeo Gassmann sarà Franco Califano in tv. Il padre: “Il Talento? Non si eredita necessariamente”
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.

1 commento