Home CRONACA Muore un 17enne a bordo di una nave umanitaria

Muore un 17enne a bordo di una nave umanitaria

115

Aveva solo 17 anni e lo hanno trovato svenuto nel fondo di una barca di legno schiacciato da altre decine di persone, asfissiato dai fumi del carburante. Ma è morto due ore dopo dopo essere stato preso a bordo dall’equipaggio della nave tedesca Sea Watch 5, nell’attesa di un’evacuazione urgente richiesta che però non è mai avvenuta.

I volontari dicono che “dopo circa due ore, e senza che nessuna autorità avviasse un’operazione di evacuazione, un ragazzo di 17 anni è morto a bordo della nostra nave. I nostri team lo avevano trovato in stato di incoscienza nel ponte inferiore della imbarcazione di legno”.

La denuncia della ONG tedesca

Quattro migranti, con intossicazione da idrocarburi, ustioni, ipotermia e scabbia, sono stati trasbordati dalla nave ong Sea Watch 5 alla motovedetta Cp319 della guardia costiera che li ha sbarcati a Lampedusa. L’evacuazione medica è stata effettuata durante la notte. L’equipaggio della nave Sea Watch 5, ieri, aveva fatto sapere che un migrante di 17 anni è morto dopo essere stato soccorso insieme a una cinquantina di persone che erano su un’imbarcazione di legno che rischiava di affondare nel Mediterraneo centrale. La nave aveva reso noto anche d’aver chiesto l’evacuazione medica per 4 feriti.

Ma è possibile che si muoia così?

Articolo precedenteGravina indagato chiede di essere interrogato
Articolo successivoArriva lo psicologo di base. Mentre la sanità pubblica va a picco…
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.