Home CRONACA Milan-PSG è scontro ancora prima di scendere in campo: rissa tra tifosi,...

Milan-PSG è scontro ancora prima di scendere in campo: rissa tra tifosi, uno di loro accoltellato

1126

Milan contro PSG: una guerriglia prepartita

Scontri ieri sera tra ultras del Milan e tifosi del PSG. Alla vigilia della partita dei gironi di qualificazione agli ottavi di Champions tra Milan e PSG, in programma per questa sera alle ore 21:00, ci sono stati i primi scontri. Non parliamo di falli tattici o di cartellini rossi ma di scontri avvenuti sui Navigli tra ultras di Milan e PSG.

Un tifoso accoltellato

Tra gli ultras uno di loro è stato accoltellato, si tratta di un francese, portato in ospedale, ma che non sembrerebbe essere in pericolo di vita.

Ultras del Milan a volto coperto

Lo scontro sembra essere nato da una cinquantina di tifosi del Milan che, a volto coperto, avrebbero assalito, in una sorta di guerriglia, i tifosi del PSG venuti a Milano per vedere la partita.

L’agguato

Secondo primi racconti sarebbe stato un vero e proprio agguato, messo in atto poco dopo la mezzanotte, nei confronti dei tifosi francesi che erano in zona Porta ticinese.

Prima un petardo, poi i fumogeni e infine la fuga

Pare che prima sia scoppiato un petardo, poi sarebbero stati accesi i fumogeni, che hanno comportato la fuga non solo dei tifosi avversari ma anche di tutta la gente sul posto.

Articolo precedenteTi affitto la casa ma all’erario non dico nulla: sotto inchiesta AirBnb a Milano
Articolo successivoIlary Cucchi: “Darmi della tr**a per la Procura di Roma non è reato”
Avatar photo
Dal 2 ottobre 2023 é online la nuova testata giornalistica www.dillingernews.it. Dillinger è un progetto editoriale con le idee chiarissime; non dover dire grazie a nessuno e in nessun caso, la nostra libertà editoriale è supportata da tutti coloro che credono in un progetto nuovo e che non si riconoscono in ciò che gli viene proposto quotidianamente dalle "grandi fazioni", dagli amichetti dei circuiti del fashion, dai baciapile delle amministrazioni e da tutti quelli che hanno la presunzione di ricevere finanziamenti pubblici: noi non li riceviamo. Sia chiaro. Siamo liberi e vogliamo rimanere tali, non esiste l'informazione pulita e quella sporca... serie "A" o serie "B". Siamo un organo di informazione disintermediato. Le macchine editoriali sono cosi articolate che le grandi testate arrivano quasi sempre in ritardo e con contenuti di "commento", che non aggiornano che non informano realmente il lettore, piuttosto gli formano un'idea un punto di vista. Possiamo farlo anche noi e in tanti casi pure meglio! Ci piace cazzeggiare e blastare, certo, ma non siamo solo una banda di psicopatici, maniaci dei cazzi altrui... siamo tanto altro , lo vedrete e lo leggerete! Lavorano in questa redazione esperti di comunicazione e giornalisti professionisti. Anche tanti giovani ai quali è data la possibilità di scrivere e partecipare a un progetto cross mediale. In questa redazione si cresce anche come persone, si impara, si capiscono i meccanismi della comunicazione e dell'informazione. Qui cerchiamo tutti i giorni di essere veri e reali, umani e "banditi". Garantiamo: libertà da qualsiasi forma di ipocrisia! Siamo sempre pronti ad accogliere chiunque abbia una storia e desidera condividerla con gli altri. Il branding del giornale è ispirato ai fuorilegge della storia... L'informazione può diventare un'arma, questa è la metafora del nostro giornale. La contrapposizione tra bene e male, tra buono e cattivo genera le storie che cerchiamo di raccontare.